Clatuu Criolipolisi | Novamedis
573
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-573,page-child,parent-pageid-528,qode-listing-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Le Attività Sanitarie

Medicina Estetica

Clatuu Criolipolisi

Il termine “Crio” deriva dal greco kryos che significa ghiaccio ed è proprio il freddo che viene utilizzato da questa sofisticata apparecchiatura (CLATUU) per eliminare l’adipe in eccesso. Le cellule adipose infatti sono molto più sensibile al freddo rispetto alle altre strutture anatomiche presenti nella regione trattata, come cute, derma, vasi, nervi, e muscoli. Le cellule raffreddate vanno incontro ad un processo di lisi spontanea lenta e graduale definito “apoptosi”, morte cellulare.

Questa metodica è approvata negli Usa dalla FDA (Food and Drug Administration).

Vediamo come agisce questa tecnica.

CLATUU è dotata di due particolari applicatori che permettono di agire in modo preciso e selettivo su regioni specifiche e che consente di controllare perfettamente il processo di raffreddamento.

Fase 1: Aspirazione fase del Vacuum

Grazie ad un potente ed efficace vacuum di cui i manipoli dell’apparecchiatura sono dotati, vengono aspirati cute, sottocute e tessuto adiposo che saranno sottoposti ad un abbassamento di temperatura. Il vacuum è quindi molto importante perché questa aspirazione permette un raffreddamento selettivo del grasso.

Fase 2 : Cristallizzazione

Il grasso così raffreddato va incontro ad una cristallizzazione dei suoi lipidi, è questa cristallizzazione che danneggia meccanicamente le cellule adipose che vanno incontro ad una morte selettiva.

Fase 3: Apoptosi, morte programmata delle cellule

Dalle analisi istologiche condotte su diversi pazienti trattati con criolipolisi si è evidenziato che già dopo 3 giorni dal trattamento si attiva l’enzima Caspasi-3, ossia il primo enzima che interviene quando ci sono dei tessuti che vanno incontro ad una necrosi (morte), nell’arco dei successivi 7 giorni le membrane degli adipociti diventano sempre più difformi perché in estrema sofferenza, dopo 2 settimane compaiono i macrofagi, cellule spazzine, che intervengono quando l’organismo ha dei tessuti in necrosi che devono dunque essere eliminati. Questo processo continua per circa 90 giorni.

Dopo 90 giorni dal trattamento: assenza completa di macrofagi, ripristino alla normalità dei tessuti, ma con un numero di adipociti ridotto.

In seguito a questo processo le cellule adipose vengono eliminate attraverso il fegato, il tubo gastroenterico e il sistema linfatico

Il processo è dunque lento e progressivo, il che permette una progressiva eliminazione del grasso senza accumuli per il fegato. Ecco perché i risultati non si possono vedere immediatamente ma ciò permette di agire senza danni per l’organismo.

Durante il trattamento

Il trattamento è indolore, il paziente avverte un fastidio iniziale alcuni minuti dovuto alla tensione del tessuto per effetto del vacuum e una sensazione di freddo.
La terapia dura circa 40 minuti.

I risultati

Il processo dà un risultato già visibile dopo il primo mese ma il risultato finale sarà meglio apprezzabile dopo 90 giorni, in tutto questo periodo infatti si assiste ad un lento smaltimento dei lipidi.

Zone che possono essere trattate

In base alla profondità del tessuto adiposo e della riduzione desiderata del grasso può bastare 1 trattamento, in altri casi la seduta va ripetuta dopo un intervallo di 30 giorni. Con l’aiuto del medico verranno decise le aree da trattare ed effettuato un programma terapeutico personalizzato che permetterà di inquadrare correttamente il tipo di risultato e come riuscire a ottimizzarlo.

Il trattamento può essere effettuato su:

 

  • Addome
  • Fianchi
  • Braccia
  • Gambe
  • Ginocchia
  • Schiena
  • Culotte de cheval